Giulia Brignone

Giulia, Gina per gli amici, è nata nel caldo mese di agosto del 1987, l’11 per la precisione. Ha frequentato le scuole materne ed elementari a Cisterna presso l’istituto San Basilio, per poi passare alla scuola media Plinio il Vecchio. Ha conseguito la maturità classica nel 2006 a Latina, presso il liceo ginnasio Dante Alighieri, dove ha seguito un corso di studi sperimentale in linguaggi e tecniche cinematografiche.
La comunicazione è sempre stata per lei un punto fondamentale per la sua formazione, e per questo si era iscritta alla facoltà di Scienze della comunicazione della Sapienza, polo di Pomezia, che nella giornata di martedì 26 ottobre 2010, le ha conferito la laurea per la quale mancavano pochi esami. Il suo sogno era quello di diventare una giornalista. Ha scritto spesso degli articoli per dei giornali locali e a volte anche per il Corriere di Tunisi; ha avuto l’opportunità di intervistare l’attrice Claudia Cardinale in un incontro organizzato dall’AIAT (Associazione Italiana Amici della Tunisia), e per la stessa associazione ha presentato per tre anni l’evento “Serata Tunisina”. La Tunisia era un luogo al quale Giulia era molto legata: riconosceva e sentiva profondamente, in questo posto per lei magico, le proprie radici paterne, ed era un piacere immenso trascorrervi le vacanze ogni qual volta le fosse stato possibile. Il suo era il vero e proprio “mal d’Africa”, che inevitabilmente l’aveva colpita girando la sua amata terra in lungo e in largo.
Le sarebbe piaciuto molto anche lavorare presso emittenti radiofoniche, e da un anno ci era riuscita, intraprendendo un percorso di collaborazione con Radio Enea, di Anzio, per la quale prestava la voce in programmi musicali. La musica era per Giulia il centro intorno al quale tutto ruotava. Non c’era autore italiano o straniero, canzone vecchia o nuova, di ogni genere, che non conoscesse e non facesse parte della sua immensa collezione. Tra i suoi preferiti si collocavano Ligabue e Bon Jovi, con il quale, diceva sempre, in futuro si sarebbe sposata. La sua passione musicale non finiva qui. Infatti aveva cominciato fin da piccola a suonare il pianoforte, e da qualche tempo studiava la batteria. Ne aveva una gialla, suo colore preferito e più che mai azzeccato a descrivere il suo carattere, in una parola: solare!
Un’altra delle sue passioni era la scrittura di poesie e brevi pensieri, che giorno dopo giorno vengono ritrovati su ogni suo quaderno, diario, libro di scuola e blocco di appunti. Tra i temi privilegiati c’erano le sue esperienze di vita quotidiana, le emozioni, gli amori, gli amici, i luoghi amati, fra i quali l’immancabile Tunisia. Scriveva in ogni momento del giorno, con una predilezione per le ore notturne, in uno stile semplice e diretto, che lascia semplicemente trasparire chi era Giulia: in ogni frase scritta su quelle carte, c’è il ritratto di una ragazza instancabilmente euforica e sognatrice, decisa e promettente, che anche se in difficoltà cerca conforto e incoraggiamento nelle proprie parole, senza mai arrendersi.
Per chi l’ha conosciuta, sarà la persona che più difficilmente dimenticherà: era in grado di portare nella vita di tutti quel raggio di sole che neanche nelle giornate più grigie ci si aspetterebbe di vedere. La sua simpatia e la sua coinvolgente allegria erano davvero contagiose per i familiari e per i suoi tanti amici, che dal 6 settembre 2009, sentono il peso della sua incolmabile assenza.

           Eleonora Materazzo

Copyright © 2011 Accademia Giulia Brignone
Musica, Cultura & Comunicazione
Indirizzo
Via Enrico Toti n. 24
04012 Cisterna di Latina, LT
Recapiti
Tel. 06 960 81 88 – Cell. 347 71 45 426
E-Mail accademia@giuliabrignone.org
Codice Fiscale
02619340595